Femfestival, Festival internazionale di composizione femminile - AMAT Lab

Femfestival, Festival internazionale di composizione femminile

Amat

Rinascita, crescita artistica, dialogo e multiculturalità: questo è il Femfestival, ideato dal team di Amat composto da Concetta Anastasi, Francesca Lazzeroni e Barbara Rettagliati.  Una festa musicale aperta sul mondo, rivolta a tutte le compositrici, un’occasione per ripartire e leggere la storia della musica anche dalla prospettiva femminile, da sempre presente, ma molto spesso rimasta nascosta. Patrocinato dai Comuni di Firenze e di Scandicci e dal Consolato Onorario del Burkina Faso a Firenze, il festival è uno spunto per parlare di musica, di accessibilità e di integrazione culturale, per mettere in rete le artiste, creando nella Città Metropolitana di Firenze un vero e proprio laboratorio della musica d’arte  contemporanea. 

Un festival ricco di iniziative, con al centro il concorso “Donne compositrici”, in scadenza il 20 luglio prossimo, nobilitato da un’eccellente giuria internazionale  e multiculturale. Ekaterina Kozhevnikova, la presidente di giuria, è artista russa di lunga carriera, eseguita ed apprezzata in patria e nel mondo. Le altre giurate sono Concetta Anastasi, Caterina Calderoni (Italia), Linda Dusman (USA), Katharina Nohl (Germania), Barbara Rettagliati (Italia-Svizzera), Adeline Wong (Malesia). Il concorso offre premi in denaro alle prime classificate e soprattutto l’esecuzione delle partiture selezionate, perché è proprio grazie all’esecuzione che i fogli di carta, spesso rinchiusi in un cassetto,  prendono vita. Gli obiettivi, dunque, sono la divulgazione del lavoro delle compositrici e l’apertura delle frontiere culturali al mondo intero, con particolare attenzione ai contributi per la contaminazione tra generi, stili e culture. È ciò che si propone infatti un’ altra attività del festival, il Cocolab, laboratorio di collaborazione e contaminazione. Una compositrice dal Burkina Faso sarà ospitata a Firenze grazie a una borsa di studio speciale e frequenterà il laboratorio creativo di Amat dove, insieme ad altre compositrici, parteciperà ad un’ esperienza condivisa per realizzare un’opera da eseguire durante il festival. L’iniziativa è possibile anche grazie al partenariato con l’Associazione “Amici di Pietro Annigoni per la solidarietà fra i popoli Onlus” e prevede inoltre la collaborazione del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze.

Dal 20 luglio saranno raccolte anche le adesioni per partecipare alle attività del festival che si svolgeranno in autunno. Altri appuntamenti, online, dal vivo e in radio, daranno la possibilità di ascoltare la musica e l’esperienza delle giurate del concorso e di altre compositrici di fama, grazie anche alla collaborazione di Rete Toscana Classica e di Anna Menichetti, conduttrice di Radio Rai 3.

Tutti i dettagli del festival e del concorso, compreso il bando pubblicato, sono consultabili e scaricabili in inglese e in italiano sul sito di Amat, www.amatlab.com. Aggiornamenti e contenuti aggiuntivi sono disponibili sui canali social di AMAT.

Arrow-up